Ti trovi in:Chi siamo»Memoria dehoniana»Martiri Dehoniani
11/12/2011

Martiri Dehoniani

MARTIRI DEHONIANI

 


Nell’enciclica in preparazione del grande Giubileo del 2000, la 
Tertio Millennio AdvenienteGiovanni Paulo II lanciò l’idea di un recupero della memoria dei cristiani caduti per la fede nel XX secolo:

 

"Nel nostro secolo sono ritornati i martiri, spesso sconosciuti, quasi ‘militi ignoti’ della grande causa di Dio. Per quanto è possibile non devono andare perdute nella Chiesa le loro testimonianze" (TM 37).

 

In seguito a questo appello è stata costituita in Vaticano la commissione dei nuovi martiri che ha già raccolto e catalogato più di dodicimila storie di cristiani caduti per la fede nel XX secolo in tutto il mondo (cf. il libro di Andrea Riccardi, Il secolo del martirio - i cristiani nel novecento, Mondadori, Milano 2000). Non si trattava di iniziare processi sul tipo di quelli condotti per le beatificazioni e le canonizzazioni, ma di ricordare e narrare storie di cristiani che hanno subito la morte perché cristiani: 

 

"La storia del loro assassinio è quella della loro debolezza e della loro sconfitta. Eppure, proprio in condizioni di grande debolezza, questi cristiani hanno manifestato una forza peculiare di carattere spirituale e morale: non hanno rinunciato alla fede, alle proprie convinzioni, al servizio degli altri, a quello della Chiesa, per salvaguardare la propria vita e assicurarsi la sopravvivenza. Hanno manifestato una grande forza pur in condizioni di estrema debolezza e di grande rischio. Questa è una realtà della storia del cristianesimo. Su questa realtà il cristiano del XXI secolo è chiamato a riflettere, anche per cogliere quale sia la ‘forza’ del cristianesimo. Ma è anche una realtà che si impone alla riflessione di quanti vogliono meglio comprendere la storia del secolo passato" (Andrea Riccardi, cit. p. 12).

 

La Famiglia Dehoniana partecipa a questa realtà. Il 11 marzo 2001 fu beatificato P. Juan María de la Cruz García Méndez scj (1891-1936). Però P. Juan María de la Cruz non è l’unico martire dehoniano del secolo XX. Nelle voci a destra raccontiamo le storie di diversi dehoniani testimoni della ‘forza debole’ del cristianesimo. Cerchiamo così di rispondere all’invito del P. Generale Virginio Bressanelli "a recuperare la memoria storica di quelle figure significative di sorelle e fratelli nostri che possono essere modelli e stimolo per vivere con maggior intensità la vocazione e la missione che abbiamo nella Chiesa e nel Mondo di oggi" (Lettera alla Famiglia Dehoniana).

 

Lettera per la Giornata della Memoria Dehoniana


Download: 

Spagna 1936 - Beato Juan María de la Cruz


Germania 1941 - 
P. Franz Loh


Austria 1942 -
…P. Wampach e P. Stoffels


Italia 1944 -
 P. Martino Capelli


Germania 1944 -
P. Kristiaan Hubertus Muermans


Indonesia 1944-45
… - 11 confratelli olandesi


Camerun 1959 - P. Musslin, P. Héberlé e Fr. Sarron


Brasile 1975 - P. Paulo Punt