Ti trovi in:Aree di attività»Famiglia dehoniana»Famiglia Dehoniana Europea»Messaggio alla Famiglia Dehoniana europea

Messaggio alla Famiglia Dehoniana europea

Messaggio del gruppo di coordinamento europeo

alla Famiglia Dehoniana


1. PARTECIPANTI


Il primo incontro allargato del coordinamento europeo della Famiglia Dehoniana è avvenuto a Foligno dal 18 al 20 gennaio 2013, con rappresentanti della Famiglia Dehoniana Europea.

Erano presenti:

- del Consiglio Generale della Congregazione P. John van den Hengel e P. Claudio Weber. P. Fernando Fonseca, collaboratore nella Amministrazione Generale della Congregazione, é stato presente come segretario ed animatore della liturgia e come membro del gruppo coordinatore dell’ iter formativo.

- delle Provincie scj, come religiosi delegati: P. Adérito Barbosa (Portogallo), P. Ramón Dominguez (Spagna), P. André Perroux (EUF), P. Bruno Pilati (Nord Italia), P. Vincenzo Martino (Sud Italia), P. Józef Gawel (Polonia) e P. Frans Voss (Finlandia). Non hanno potuto essere presenti i delegati d’Inghilterra, di Germania, di Olanda.

- delle consacrate: l’istituto secolare della Compagnia Missionaria è stato rappresentato dalla sua presidente Anna Maria Berta. Erano presenti anche due donne consacrate (Paola e Franca) dell’Italia del Sud. Non ha potuto essere presente la delegata delle consacrate Missionarie dell’ Amore Misericordioso del Sacro Cuore (PT).

- dei laici: due laiche dehoniane: Emilia Meireles (Portogallo) e Mari Carmen (Spagna). Non ha potuto essere presente Donatella Martelli (ITS).

 

2. IL P. DEHON OGGI

 

P. Perroux, specialista nella spiritualità dehoniana, ci ha presentato il tema sulla famiglia dei Dehon oggi, in una prospettiva genealogica dal Medio Evo fino ad oggi. Non si è dimenticato di rilevare l’importanza della sua nonna paterna nello sviluppo umano e spirituale di P. Dehon.

Nel 2005, si sono riuniti a Roma 105 discendenti dei Dehon. Ancora oggi i Dehon, si sentono orgogliosi del loro P. Dehon.

 

3. CONDIVISIONE DELLE ESPERIENZE DI FAMIGLIA DEHONIANA IN OGNI PAESE

 

Ogni gruppo ha presentato quello che si fa nel concreto a partire dalla spiritualità dehoniana: i laici, consacrate e religiosi dehoniani. Si è fatto riferimento alla Carta di Comunione e alla proposta di vita dei laici dehoniani.

La Famiglia dehoniana, intesa come l'insieme delle diverse componenti (Scj, Consacrate e Laici) che s'ispirano al progetto spirituale di p. Dehon, come risposta alla vocazione personale e missione nella Chiesa, è oggi una realtà.  (Carta di Comunione, nº 1).

Il Fondatore ha un dono particolare di percepire l'ampiezza del carisma, di viverlo anticipatamente, di riproporlo alla Chiesa come "Progetto di vita evangelica", che va oltre i confini dell'Istituto che egli fonda.

In questo senso egli è vero "padre spirituale", anche quando il carisma, prolungandosi nel tempo, si eredita e si esprime in nuove forme finora impensate; forme che poi sono riconosciute autenticamente e approvate dalla Chiesa.  (Carta di Comunione, nº 5). 

 Incontro Famiglia Dehoniana Europa1

 

4. ITER FORMATIVO PER I LAICI DEHONIANI ADULTI

 

Prima di tutto, la spiritualità dehoniana, è caratterizzata da alcuni elementi fondamentali, quali:

a. la centralità del mistero del Cuore di Cristo, come amore e rivelatore dell'amore del Padre; amore rifiutato col peccato;

b. la partecipazione all'oblazione di Cristo, nell'Eucaristia celebrata e adorata, condividendone i sentimenti per il Padre e per gli uomini, cooperando alla costruzione della civiltà dell'amore;

c. l'accoglienza della Vergine Maria come modello della disponibilità nella fede;

d. il sentire con la Chiesa, il condividerne la passione per l'annuncio del Vangelo, l'impegno per la giustizia, la verità, la solidarietà, la cultura…;

e. essere i profeti dell'amore e servitori della riconciliazione, attenti agli appelli dell'umanità (promozione della dignità umana, della pace, della fraternità universale)

Essa si concretizza in uno stile di vita personale, caratterizzato dall'unione a Cristo e dall'attenta e cordiale accoglienza delle persone, da un pieno inserimento nella realtà del proprio contesto e nella storia umana. Orienta la missione della Chiesa con accentuazioni privilegiate nell'annuncio di un Dio misericordioso e compassionevole e nella testimonianza dell'amore e della tenerezza di Dio, che si manifesta nel cuore umano di Cristo. Ricorre a segni visibili, quali l'adorazione eucaristica e l'oblazione riparatrice, il culto al Cuore di Gesù, la memoria di p. Dehon, per mezzo dei quali manifesta la propria identità. (Carta di Comunione, nº 11).

 

In questo senso di progettazione, P. Claudio Weber, consigliere generale, responsabile per la Famiglia Dehoniana, ha presentato ai delegati di Europa le tre fasi dell´Iter formativo.

 

Fase iniziale: intende creare “Familiarità con la vita dehoniana”, e può durare da alcuni mesi a un anno.

 

Fase di approfondimento, è divisa in tre anni:

primo anno: “Incontrare Gesù Cristo con P. Dehon”; ha come contenuto il rapporto di P. Dehon con Gesù Cristo;

secondo anno: “Il cammino di P. Dehon”; ha come contenuto la vocazione e la comunione di P. Dehon nella Chiesa;

terzo anno: “Per la vita del mondo”; ha come contenuto l´apostolato e la dimensione sociale di P. Dehon.

 

Fase della Formazione Permanente, vuol offrire contenuti per la perseveranza nell´impegno assunto come Laico Dehoniano. Alcuni di questi contenuti potranno essere riproposti con ulteriori approfondimenti. (Cf. ITER FORMATIVO)

 

I lavori di gruppo e la condivisione hanno aiutato a trovare l’orientamento comune e a sintonizzarci meglio nel modo di elaborare l’iter formativo.

 

5. IL GRUPPO COORDINATORE FD DELL'EUROPA

 

Sono state scelte le persone del gruppo coordinatore:

voce scj: p. Aderito Gomes Barbosa (PT) e p. Bruno Pilati (ITS)

voce consacrate: Anna Maria Berta (CM) e Paola (ITM),

voce laici: Cármen Portals Gòmez (ES) e Donatella Martelli (ITS)


P. Aderito è stato eletto, per il gruppo, il coordinatore del coordinamento europeo.

 

Il gruppo coordinatore della Famiglia Dehoniana dell’Europa:

è un strumento di coordinamento a servizio del cammino della Famiglia Dehoniana in Europa;

è formato da rappresentanti delle varie voci;

le voci dovrebbero avere una vita-organizzazione propria e sentirsi a pari dignità e responsabilità nel coordinamento.

 

Il gruppo dovrà promuovere la comunione, la comunicazione e la condivisione di materiali formativi e sussidi.


6. PROSPETTIVE


Nel 2014 è prevista una riflessione del Direttivo generale sulla condivisione del carisma nella famiglia dehoniana; dopo Pasqua 2014, potrebbe esserci un incontro internazionale al quale dovrebbero partecipare i convocati di questi giorni a Foligno (che chiamiamo coordinamento europeo allargato). In quella occasione si approfitterà per vivere un incontro del coordinamento europeo allargato, secondo un odg preparato dal coordinamento.

 

7. MISSIONE DEHONIANA

 

Condividiamo quanto dice la Carta di Comunione della FD.

 

La missione dehoniana chiede di:

a. "instaurare il Regno del Cuore di Gesù nelle anime e nelle società", animati e stimolati dalla nostra spiritualità caratteristica;

b. collaborare all'instaurazione di questo Regno con la preghiera e con l'impegno concreto per le persone, la Chiesa, la società, nell'ambito della chiesa locale;

c. essere aperti ad eventuali collaborazioni pastorali con le altre componenti della Famiglia dehoniana. (Carta di Comunione, nº 12).

 

Cosi, animata dallo Spirito, la Famiglia dehoniana è chiamata a vivere questa eredità nella vita quotidiana, secondo il proprio stato di vita, con impegni concreti, personali e comunitari, spirituali e sociali.  (Carta di Comunione, nº 13).


Il coordinatore europeo della Famiglia Dehoniana

P. Adérito Gomes Barbosa, scj


Roma, 25 Gennaio 2013


Incontro Famiglia Dehoniana Europa2