18/07/2018

24CG: L'internazionalità vissuta e coltivata

24GC 18-07_6

Ieri, i delegati del capitolo si sono riuniti in gruppi continentali per preparare rapporti sulle loro aree geo-culturali. L'Africa è stata la prima a fare la sua presentazione.

I temi dell'internazionalità e dell'interculturalità si sono fatti strada nel rapporto africano. Oggi, quegli stessi temi si sono ritrovati anche nelle presentazioni del Nord America, Asia e America Latina.

Foto-galery IT


Nord America

L'internazionalità dehoniana è fondamentale per mantenere e incrementare la presenza dehoniana nel Nord America. Sia il Canada che gli Stati Uniti cercano modi per accogliere meglio i loro confratelli da altre nazioni. I dehoniani nel Nord America si sentono anche chiamati a far fronte ai problemi dell'immigrazione. Hanno assistito famiglie di immigrati, facilitato opportunità educative in materia di migrazione e stanno dialogando sull'immigrazione con politici, dirigenti ecclesiastici e coloro con cui lavorano e assistono.

24GC 18-07_4

"Noi dehoniani del Nord America siamo solidali con i nostri fratelli e sorelle immigrati", ha affermato p. Vien Nguyen, riferendosi al continente. "Vogliamo trasmettere il messaggio che siamo con voi, siete i benvenuti qui."

I nordamericani hanno anche parlato del programma ESL (inglese come seconda lingua) della provincia statunitense, dei programmi accademici di collaborazione al Seminario del Sacro Cuore e alla Scuola di Teologia, della parrocchia multiculturale di St. Thomas More vicino a Toronto, dei ritiri continentali, della creazione di una Commissione Teologica Nordamericana e della condivisione del carisma dehoniano con dipendenti e altri collaboratori.


Asia

Il tema dell'internazionalità è continuato nel rapporto asiatico. La presenza dehoniana in Asia comprende i paesi di India, Indonesia, Vietnam e Filippine. È l'area in più rapida crescita della congregazione con 380 membri con i voti, 500 in totale compresi i candidati. Iniziata in uno spirito missionario, l'Asia è ora una forte fonte di missionari per il resto della congregazione.

24GC 18-07_3

Fr. Francis Vu Tran ha fatto una breve storia della più giovane delle entità: il Vietnam. Fondato nel 2013, p. Francis è succeduto al primo superiore del distretto, p. Rino Venturin, nel 2016. Una delle priorità del distretto è che la congregazione ottenga il riconoscimento del governo come comunità religiosa. Proprio la settimana scorsa, p. Francis ha saputo che i dehoniani hanno ricevuto lo status legale a Saigon (Ho Chi Minh City); presto la comunità spera di avere un tale status a livello nazionale. Ciò consentirà ai sacerdoti vietnamiti di essere ordinati e prestare servizio nel paese.

Il Vietnam è benedetto da molte vocazioni, ma è difficile trovare spazio per loro nei tre seminari ufficialmente presenti. Il distretto collabora con altre entità all'interno e all'esterno dell'Asia per l'istruzione e il ministero.

"L'internazionalità e l'interculturalità sono al centro dei nostri principi come in nessun'altra parte del mondo", ha affermato p. Michael Augstine Moses dell'India. I missionari di molte entità sono venuti in Asia, e missionari asiatici si possono trovare in paesi come l'Italia, la Finlandia, il Brasile, la Francia, il Canada e gli Stati Uniti, così come nel Generalato di Roma.

24GC 18-07_1

Le entità asiatiche condividono con i loro confratelli africani la preoccupazione per l'autosufficienza finanziaria. Tutti stanno cercando modi per ridurre la loro dipendenza dalle risorse esterne. Vivendo e operando nei settori della povertà, le entità asiatiche fanno dell'aspetto sociale del loro ministero una priorità.

"Siamo impegnati nella componente sociale del carisma dehoniano", ha affermato p. Michael.


America latina

In America Latina, l'internazionalità viene vissuta in molti modi, ma più recentemente in un luogo inaspettato: la Colombia.

Seguendo il suggerimento dell'Amministrazione Generale di potenziare le attività missionarie nel continente, i dehoniani latinoamericani stanno esplorando le possibilità di una presenza dehoniana in Colombia.

Non sapevano che questa presenza, in un certo modo, c'era già.

24GC 18-07_8

Negli ultimi anni i venezuelani sono fuggiti dai disordini civili del loro paese, il più delle volte nella vicina Colombia. Tra questi vi è un numero significativo di dehoniani laici, persone che avevano fatto parte dei gruppi della Famiglia dehoniana in Venezuela. Quando hanno saputo che due SCJ sarebbero stati in visita in Colombia, volevano essere lì per salutarli. Fr. Carlos Luis Suárez Codorniu ha condiviso foto e parlato delle famiglie dehoniane che ha incontrato a Bogotá. Il gruppo cerca di incontrarsi mensilmente e spera che possano nuovamente avere contatti regolari con i dehoniani.

I dehoniani dell'America Latina hanno appena iniziando un processo per capire e imparare dove il carisma dehoniano può rispondere in modo più efficace al popolo colombiano.

P. Leonardo Javier Zampa, superiore provinciale dell'Argentina, ha evidenziato le speranze e le sfide per i dehoniani in America Latina. Le priorità comprendono lo sviluppo di un maggiore senso di appartenenza riguardo alle vocazioni, osservando che la pastorale vocazionale è responsabilità di tutti i dehoniani e di tutte le entità. Ha parlato anche della creazione di un migliore senso della "cassa comune", della formazione, della pastorale giovanile, dell'uso dei media digitali e della necessità di essere consapevoli di non attribuire troppe responsabilità a una sola persona o comunità.

24GC 18-07_2