16/07/2018

24CG: La pianificazione finanziaria: una parte necessaria della vita religiosa

Luca

Ieri, il capitolo si è concentrato sullo stato della congregazione. Oggi i riflettori si sono accesi sulle finanze della congregazione.

P. Luca Zottoli, economo generale, ha iniziato la sua relazione osservando tre questioni chiave identificate dal Capitolo generale del 2015: indipendenza finanziaria, invecchiamento e vocazioni. "Queste continuano ad essere preoccupazioni cruciali per la congregazione; l'amministrazione generale ha tenuto a mente questi problemi mentre sviluppava le sue politiche economiche ", ha affermato.

Nella lettera programmatica pubblicata all'inizio dell'amministrazione di p. Heiner Wilmer, 13 delle 46 azioni identificate riguardavano problemi finanziari. La corretta amministrazione delle finanze è una parte vitale della vita religiosa, non separata da essa.

I capitoli precedenti hanno parlato del declino delle vocazioni nell'emisfero settentrionale, nonché della crescente età media dei membri delle entità storiche della congregazione. Ora, gli effetti di queste tendenze sono più evidenti. "Le entità storiche stanno perdendo la loro forza economica", ha affermato p. Luca. "Di conseguenza, le entità più giovani che sono state economicamente dipendenti da quelle storiche, stanno notando una riduzione del loro sostegno finanziario.

Ciò significa che la congregazione deve regolare il sostegno intercongregazionale, in modo che i fondi vengano distribuiti con prudenza. "Una buona pianificazione è fondamentale per tutte le entità, affinché ciascuna opera possa raggiungere l'obiettivo dell'autosufficienza finanziaria", ha affermato l’economo generale.

 Sugino listens

Tutte le entità sono chiamate alla gestione finanziaria

"Non ci sono entità ricche e nemmeno entità povere", ha sottolineato p. Luca. "Non ci sono entità genitore o entità figlio. Tutte le entità sono sorelle chiamate a gestire il loro patrimonio, le loro risorse, indipendentemente dal fatto che siano grandi o piccole ".

L’economo generale ha parlato di diverse possibilità per il futuro, tra cui l'istituzione di un Ufficio per lo Sviluppo dei Progetti. Questo sarebbe "un ponte tra le entità bisognose di sostegno per le loro missioni e organismi non governativi, governativi e religiosi che forniscono contributi per scopi sociali, educativi e sanitari", ha affermato p. Luca.

Screenshot 2018-07-16 19.22.30

Villa Aurelia e il Generalato

L'ufficio dell’economo generale non ha solo la responsabilità in merito alle preoccupazioni finanziarie della congregazione, ma anche per quelle della casa. P. Luca ha parlato delle complesse realtà finanziarie della Curia generale, del Collegio Internazionale e di Villa Aurelia. Negli ultimi anni c'è stata una maggiore separazione finanziaria tra queste entità.

La pianificazione finanziaria a lungo termine è la chiave per mantenere Villa Aurelia e il Generalato. "La casa generalizia è come un cantiere in cui l lavori sono sempre in corso", ha affermato p. Luca. Ci sono stati lavori di ristrutturazione della biblioteca e del tetto; il drenaggio dell'acqua e altre strutture dovevano essere riparate a causa dei danni dovuti al terremoto. In futuro, il sistema di riscaldamento e raffreddamento, nonché l'impianto elettrico, saranno aggiornati.


Relazione del comitato di esperti finanziari

I regolamenti capitolari richiedono che un comitato di esperti riveda i conti finanziari delle entità e della curia. A coloro che hanno prestato servizio nel comitato nel capitolo precedente è stato chiesto di farlo di nuovo: p. Giacomo Cesano (ITS), il sig. Garret Stinson (USA) e il sig. José M Gutiérrez (ESP).

"La Curia Generalizia presenta rendiconti finanziari equilibrati con un buon livello di continuità anno dopo anno", ha affermato il comitato nella sua relazione.

Tuttavia, il comitato ha anche preso in considerazione le sfide e offerto suggerimenti per il futuro. Il budget a breve e lungo raggio è essenziale in tutte le entità. Ciò include tutto, dai costi di formazione all'anticipazione delle maggiori spese di manutenzione. Il comitato ha suggerito lo sviluppo di un modello per le relazioni finanziarie annuali che potrebbe essere adottato in tutta la congregazione.

Ogni entità deve impegnarsi a sviluppare risorse di reddito. Dovrebbero essere esplorati nuovi modi di cercare benefattori.

Il precedente Capitolo Generale suggeriva di istituire un gruppo di supporto che potesse aiutare le entità a sviluppare abilità finanziarie o risorse quando un'entità ha una problematica finanziaria importante, come le spese per una proprietà non necessaria. I membri del comitato hanno approvato questa raccomandazione.

La formazione economica è vitale; più membri della congregazione hanno bisogno di formazione finanziaria non solo per servire come economi di entità, ma per avere le basi necessarie per prendere decisioni finanziarie appropriate che riguardano i ministeri e le comunità locali.

Come hanno fatto ieri con il rapporto sullo Stato della Congregazione, in piccoli gruppi i delegati capitolari hanno discusso la relazione dell'Economo generale, nonché il rapporto del Comitato di esperti.

Sing