28/11/2016

Che cosa ci insegnano Gesù e Abramo? (video)

Homily 28-11_IT

I testi che abbiamo scelto ci invitano a rivolgere il nostro sguardo su due argomenti fondamentali e ad aprire il nostro cuore a due temi importanti: la meditazione e la migrazione.

Molto presto al mattino, mentre era ancora buio, Gesù andò in un luogo deserto, e là si mise a pregare.

I giorni precedenti era stato molto impegnato con la guarigione della suocera di Simone. Aveva incontrato molte persone che erano possedute da spiriti maligni e guarito i malati. Aveva viaggiato da un paese all'altro, passando da un incontro all'altro. Ora aveva bisogno di silenzio e solitudine. Aveva bisogno di restare solo e di dedicare un po' di tempo per incontrare il suo Padre celeste.

È un forte desiderio di preghiera e di meditazione. Durante la sua meditazione, egli stesso porta, con il suo cuore ferito e la sua mente turbata, la sofferenza del popolo e le molte domande su questo mondo, in una nuova armonia. Un'armonia raggiunta grazie a una meditazione profonda, tale che il Padre suo che è in cielo possa toccare delicatamente il suo cuore e calmare la sua mente turbata.

Poco dopo quella notte, Gesù parte per Cafarnao, dove aveva guarito un paralitico.

Se diamo un rapido sguardo alla struttura della vita di Gesù, la sua dinamica ci appare così: Gesù guarisce, medita profondamente, e lungo la strada, come un migrante, guarisce di nuovo.

Gesù stava camminando sugli stessi passi del suo antenato Abramo.

Quando Abramo, un migrante di Ur dei Caldei, incontra i tre uomini, era già vecchio e lui e sua moglie Sarah erano senza figli. Ma Abramo aveva una profonda fiducia in Dio. Ha pregato e meditato per tutta la sua vita.

In un certo senso, Abramo ha vissuto come noi. Abramo ci ricorda la situazione che noi, figli di Padre Leone Dehon, abbiamo trovato molto spesso nei nostri contesti: Abramo era un monoteista in una società pagana.

Molti di noi vivono in una società dove il secolarismo e l'ateismo stanno avanzando.

Alcuni di noi vivono in società dove i cristiani sono minacciati e perseguitati.

Abramo ci invita a fare come lui ha fatto: annunciare il nome di Dio, ovunque ha viaggiato.

Abramo si considera mandato in missione da Dio.

Sembra quasi che lo scopo dell'albero piantato, del boschetto, sia quello di fornire ospitalità per i viaggiatori e i migranti, in modo da diffondere la fede in Dio in tutto il mondo antico pagano.

Guardando Abramo con gli occhi di Gesù, possiamo imparare molto per aiutare la nostra Congregazione dei Sacerdoti del Sacro Cuore di Gesù. Abramo non ha avuto semplicemente una visione, ma è stato in grado di comunicare questa visione anche a discendenti vissuti centinaia di generazioni più tardi.

Abramo si prendeva cura delle persone e aveva un forte senso della giustizia. È stata la prima persona a dare la decima parte dei suoi beni (Gn 14,20). Abramo era estremamente ospitale con gli stranieri.

In una giornata calda, era seduto all'ingresso della sua tenda e notò tre sconosciuti. Corse verso di loro e li invitò a venire a casa sua per "lavare i piedi" e mangiare un "pezzo di pane". Egli ha fornito loro pane appena sfornato, cagliata e latte, e un vitello tenero. Inoltre, Abramo rimase in piedi davanti a loro, comportandosi come un ospite e un servitore.

Abramo era un uomo anziano, eppure la Bibbia afferma: "E Abramo si affrettò verso la tenda ..."; "Abramo corse verso il bestiame" (Gn 18,6; 18,7).

Quando i tre uomini partirono: "Abramo andò con loro per indicargli il cammino" (Gn 18,16).

Abramo si dimostra così cortese da accompagnarli in una parte del cammino. Suo nipote, Lot, mostra la stessa ospitalità a Sodoma, un luogo che si oppone violentemente agli stranieri che hanno bisogno di ospitalità.

Abramo e Sara erano senza figli ed entrambi hanno sofferto per questo. La loro generosità, il loro forte senso di ospitalità e di giustizia sono state in grado di cambiare tutto. Un anno dopo la visita dei tre uomini, Sara è incinta di Isacco.

Che cosa ci insegnano Gesù e Abramo, in apertura di questa riunione dei Superiori Maggiori?

Come figli di Padre Dehon, abbiamo bisogno di una forte spiritualità. Dobbiamo sviluppare la nostra devozione al Sacro Cuore di Gesù. Abbiamo bisogno di tempo per il silenzio, di solitudine e di preghiera. Abbiamo bisogno di un luogo appartato per meditare sulla bellezza della creazione di Dio. Abbiamo bisogno di avvertire con forza il senso della meditazione.

Ognuno di noi ha bisogno di un direttore spirituale, di qualcuno che ci sappia consigliare, che ci aiuti a intraprendere la strada verso Dio. Abbiamo bisogno - come dice il nostro Santo Padre Francesco - di una "mistica missionaria". "Il missionario deve essere un contemplativo in azione". Abbiamo bisogno di un'amicizia personale e intima con il Signore. (EG 35; Annunciata 17).

Oltre alla meditazione abbiamo bisogno di aprirci al mondo delle migrazioni. I fenomeni migratori saranno la sfida del XXI secolo per la Chiesa e la nostra Congregazione.

Prima di ogni altra cosa quindi, la migrazione non è un problema, è una sfida. Abbiamo bisogno delle migrazioni. Senza le migrazioni diventiamo chiusi in noi stessi, nel gretto mondo delle nostre idee, nella visione miope della nostra vita. Conoscere persone, aprire le nostre comunità, come Abramo e Sara, ci arricchisce, e porterà i suoi frutti.

Tuttavia, le migrazioni possono generare anche un mondo di sofferenza. Come Sacerdoti del Sacro Cuore, dobbiamo entrare in questo mondo di sofferenza, tristezza e dolore. Noi siamo dalla parte delle vittime.

Come discepoli di Gesù, incontriamo persone che soffrono la perdita delle loro case, e dei loro paesi. Dobbiamo ascoltare coloro che soffrono a causa di relazioni interrotte. Dobbiamo volgere il nostro sguardo a coloro che sono respinti.

Essere aperti ai margini delle nostre società, significa essere aperti al Cuore di Gesù feriti. Facciamo, quello che fecero Abramo e Gesù: Lasciamo che i nostri cuori, le nostre menti e le nostre azioni siano aperti per la meditazione e la migrazione.

Amen.

Fr. Heiner Wilmer SCJ

Genesi 18,1-15 (Abramo e i tre visitatori di Mamre)

Marco 1,35-39 (Gesù andò in un luogo desolato a pregare)

Video